articles on reset ][ photos ][ music ][ facebook
paolo's most interesting photos
www.paolomargari.it

20.6.06

ruppi, fitto, pagliaro e l'indagine barese

indagini per francesco ruppi, capo della curia leccese della confessione cattolica apostolica romana. nello stesso tempo emesso un mandato di arresto per raffaele fitto, esponente magliese del partito di "forza italia", ex presidente della giunta della regione puglia e paolo pagliaro, titolare di una locale emittente tv, telerama di lecce. fitto non può essere arrestato se non dopo l'autorizzazione a procedere della camera dei deputati.
l'articolo della gazzetta del mezzogiorno dice qualcosa in più ma ancora nulla è definitivo.
la giustizia continua a vivere, sia pur nella sua eterna agonia.

19.6.06

calcio: ritorno di zeman a lecce

Lecce calcio
E' deciso il ritorno di Zeman a Lecce, sfuma Roberto Donadoni che da una possibile panchina del Lecce si ritrova su quella della nazionale campione del mondo(!), sfuma anche Del Neri ed ogni altra ipotesi. La considero una bella notizia, il ritorno di un grande maestro, colui che due campionati fa ha guidato i giallorossi verso il miglior campionato della sua storia.
Sarà serie A? Il Lecce merita senza ogni dubbio il ripescaggio. Anche nel caso una sola compagine dovesse risultare retrocessa d'ufficio quindi sarebbe ripescaggio se il Messina avrà punti di penalizzazione tali da far piazzare il Lecce al terzultimo posto. Le cose però si mettono meglio se saranno accolte le richieste della corte: per ora si parla di Juventus in C1, Milan, Lazio e Fiorentina in B - davvero un bel regalo!
calcio - il lecce ai tempi di zeman

17.6.06

in questo sabato qualunque, un sabato mondiale, il peggio sembra essere glassato

cactus jamla mousse di
pale di ficalindie
si fredda in cucina, si parlava di glassa ma il surrealismo quest'anno lasciamolo all'anno prossimo. continuo a dormire mediamente 4 ore al giorno, ho metabilizzato quest'abitudine e scopro che i tempi di reazione tornano ai livelli normali, precedentemente raggiunti con 7 ore di sonno. sintetizzo un po' di merda quotidiana, decisamente in salita, per onorare i 16 centesimi di US$ che sinora i miei spazi in rete hanno prodotto in questo ultratiepido sabato di mondiali di calcio.

segnali di candelotti: e se fossero un regalo per placare la solitudine?
avanti savoia: che al dietro ci pensano i clienti
leggi fondamentali e loro garanti: uno non ci sta, l'altro... neppure
innovazioni frociologiche: è tempo di dire un sì, dopo quello ministeriale
tronchetti nerazzurri: via un'altra quota di sfiga
al quaeda: presto rimpasto per nuovo numero due, pressioni degli u$a per il proprio candidato

eccetera! eccetera! eccetera! eccetera! in the midst of life we are in death eccetera!

15.6.06

MAYDAY from italy to EU

Appello diffuso al Parlamento Europeo dal Comitato Italiano
del “Grande Satyagraha” per la legalità.

VI SUPPLICHIAMO LETTERALMENTE DI PRESTARCI UN MOMENTO DI ATTENZIONE PERCHE’ L’EUROPA NON TORNI PER UNA SECONDA VOLTA A RIFIUTARE DI ACCORGERSI DELLA PESTE CHE TORNA A MANIFESTARSI, COME ACCADDE NEGLI ANNI 20-30 IN ITALIA, POI IN GERMANIA ED IN SPAGNA. Il testo del MayDay con il form online per sottoscriverlo.

bossi smemorato, in italia da sempre vie non democratiche

le vie non democratiche in italia sono uno status quo, altro che l'opzione proposta da bossi nell'eventualità dovesse vincere il NO al referendum costituzionale. sono 50 anni che il belpaese ha una brutta democrazia (o una bella non democrazia, se preferite), vi pare?
la lega sente che la sua stagione di governo è definitivamente tramontata e chi 10 anni fa si vantava di essere federalista oggi si trincea in un recinto nazionale straboccante di merda tricolore.

11.6.06

Caso D'Elia: Grillo, il silenzio è d'oro

il deputato radicale sergio d'elia
No. Questa volta non ci siamo proprio Grillo. Sono un grande estimatore di Beppe, oltretutto ho il ruolo di assistant organizer del meetup di Lecce, che conta oltre un centinaio di iscritti. Di Grillo apprezzo soprattutto il coraggio di guadagnarsi il pane in un modo scomodo a lui e utile alla società, ma non tollero che nel fare questo si parli male di alcuni signori senza prima informarsi bene, così facendo di ogni erba un fascio. Questo mi fa temere che lo stesso stile di produzione di notizie e denunce sia applicato ad altri casi: la superficialità alla lunga non paga, fa solo danni a sè e agli altri.
Premetto che sono un sostenitore di tutti i Terroristi che credono in quello che fanno, Grillo stesso, sei un terrorista mediatico e ti apprezzo per questo.
Il deputato radicale Sergio D'Elia non è un terrorista. Soprattutto se per terrorista si considera l'accezione odierna, legata al fenomeno Al Qaeda. Da rivoluzionari sognatori, in lotta per un mondo migliore e più giusto, a pecore fagocitate, in ossequio a fantasie religiose e interessi economici, ne passa di strada. Ma questa considerazione non è di dominio dei piccoli cervelli di molti parlamentari del centrodestra.
Ho avuto la grande fortuna di conoscerlo, lavorarci assieme. Non mi sarei mai accorto del suo passato se non avessi cercato privatamente informazioni. Perché D'Elia non è e non può essere additato come terrorista.
Chi lo fa è un emerito coglione.
Parlare di parlamento pulito non distinguendo i reati, i comportamenti, le appartenenze e le amicizie significa parlare a vanvera.
Di persone come Sergio ce ne vorrebbero a decine, a centinaia nel Parlamento, e certamente di parabole felici (dalla condanna alla pena) ne avremmo molte di più. Invece continuiamo ad avere da una parte una massa di sporchi grassoni di merda, che se non fosse reato ammazzerei con le mie mani. Dall'altra una massa di pecore elettrici. E poi sporadicamente qualche qualunquista populista e giacobino che cerca di tirare a sè una parte di quelle pecore, in modo assolutamente innocuo, per sbarcare il lunario.
Grillo, per favore, non essere così pragmatico nel giudizio, lo dici così bene nei tuoi spettacoli che la giurisprudenza è fatta di interpretazione. Altrimenti saresti un amerikano, so che non ti piaceva e non ti piace... D'Elia ha tutto il diritto di calpestare l'orgoglio di Giovanardi e tanti ........ come lui grazie al ruolo che gli è stato assegnato: componente della segreteria della Camera dei Deputati. Alle associazioni delle vittime del terrorismo dico: se avete le palle combattete altrimenti tacete.