articles on reset ][ photos ][ music ][ facebook
paolo's most interesting photos
www.paolomargari.it

21.10.07

la juventus è una merda anche per google

mi chiedo che senso abbia 'tifare' per una società per azioni che schiera in campo 11 miliardari [del vecchio conio, un giorno anche del nuovo...] quando non si è neppure azionisti.
peraltro in molti casi queste società non hanno alcun legame territoriale, nè con il luogo di residenza del 'tifoso' nè con quello dove ha sede la stessa società. un tempo quantomeno si andava allo stadio ed i calciatori erano sportivi che, come in ogni sport, innanzitutto giocavano per divertirsi e poi anche per vincere. oggi giocano per lo più per vendersi, consapevolmente. non solo la loro prestazione ma anche la loro immagine viene mercificata e di loro non resta nulla altro da vendere - tranne rari casi in cui anche le stronzate che dicono vengono pubblicate e, solo in italia, divengono best sellers. oggi il calcio si osserva in poltrona, durante le pause ingrassanti che concede il padrone. presto ci sarà una superlega di 6-8 spa che giocheranno in campi blindatissimi circondati solo di occhi elettronici. gli stadi italiani sono una vergogna. oltre che carenti, sono dei centri di accoglienza temporanea per poveri cristi che tra scommesse e pay-tv di tanto in tanto decidono di farsi numerare e mettere in gabbia, sotto gli occhi di tanti cani da guardia. oggi non possono neppure dire la loro con uno striscione, devono guardare ma non toccare, nè parlare o pensare. il loro weekend è volto all'annullamento temporaneo [dacché le droghe sono vietate solo perché l'assuefazione da esse decrementa la produttività]. il lunedì, come cantava un motivetto di tifosi di qualche tempo fa, si tornerà in fabbrica a servire il proprio padrone.

google non ha la risposta ai miei annosi quesiti calcistici, ma offre preziosi suggerimenti, validi anche per milanisti, interisti e così via...

juvemerda

per me il tifo resta biologicamente una malattia infettiva di natura batterica, mentre culturalmente una malattia infettiva di natura virale che trasforma gli sportivi in coglioni, un po' come gli elettori del centrosinistra [e del centrodestra, non pensavate mica di averla fatta franca, la franca morse come il linguaggio]. let's troll! :P

No comments: