articles on reset ][ photos ][ music ][ facebook
paolo's most interesting photos
www.paolomargari.it

17.5.08

abusi di credulità popolare

trovo che la chiesa cattolica rappresenti la causa principale dell'odierna rovina italiana, della mancata unità. un cancro centrale che ha spezzato in due il paese e continua a farlo.
sono orgogliosamente ateo. non è stato dio a creare l'uomo, ma l'uomo a creare dio, come sostenne qualcuno. questo è accaduto in molti luoghi, contemporaneamente. l'essere umano per sua natura ha paura e crea protettori immaginari che giustifichino tale debolezza. c'è chi con avidità ha fatto propria l'amministrazione di questa relazione con l'immaginario, vendendola a caro prezzo. un prezzo che ancora paghiamo, anche noi che non crediamo.
non esiste soprannaturale al di fuori della nostra ignoranza da intendere come la perenne condizione di incapacità di cogliere ogni ragione della realtà che viviamo. il divino è quanto oltrepassa il limite della nostra comprensione. perché svendere a un'istituzione terrena la nostra ignoranza con la falsa credenza che questa sia cosa ultraterrena? la metafisica non mi appassiona. siamo di passaggio come ogni cosa, siamo un'unità divisa dalle circostanze, siamo e non abbiamo necessariamente il dovere di spiegare quello che siamo, tanto più quando assolviamo questo dovere con presunte verità che sono chiare ipocrisie. pm

1 comment:

Von Carlotten said...

Era quello che cercavo di spiegare qualche giorno fa a dei ferventi cattolici...in realtà in parte li invidio.Loro vivono nella nuvola dell'ignoranza e forse vivono anche bene.Noi che ci poniamo tante domande,molto spesso siamo disperatamente materialisti.E,per quanto orgogliosi di esserlo,a volte un pò tristi.